Accesso civico agli atti giudiziari – Diniego per esigenze di tutela della privacy

    AUTORITÀ GARANTE PER LA TUTELA DEI DATI PERSONALI – PROVVEDIMENTO 25 gennaio 2018, n. 42
    La richiesta di accesso civico agli atti giudiziari deve essere valutata con attenzione dalla PA, per evitare un’indiscriminata diffusione di informazioni delicate sulle persone coinvolte.
    Il Garante per la protezione dei dati ha condiviso la scelta di un Comune di non concedere la copia integrale delle sentenze e dei provvedimenti di condanna al pagamento di somme in favore del Comune, nonché di tutti i procedimenti di riscossione ancora aperti (PARERE n. 7810482)